Prodotti

La diffusione del Nerello Mascalese nel territorio etneo risale al 1543 quando Carlo V concesse al vescovo Caracciolo l’elevazione della piana di  Mascali a contea.In tale occasione, il vescovo offrì le terre di Mascali  in enfiteusi ai viticultori, contribuendo alla diffusione della vitivinicoltura e alla selezione di questa varietà.

Il Nerello Mascalese è un vitigno vigoroso che sui suoli vulcanici produce con basse rese ma di elevata qualità organolettica esaltata dalle forti escursioni termiche giorno-notte. Tradizionalmente allevato ad alberello, oggi viene coltivato soprattutto a controspalliera per poter meccanizzare tutte le operazioni colturali.
Sulle pendici dell’Etna si vendemmia generalmente a metà Ottobre quando i grappoli hanno raggiunto la piena maturità.

Il Nerello mascalese, si presenta di colore rosso ciliegia tendente al granato. Profumi prorompenti, fini ed eleganti dove spiccano sentori di liquirizia, spezie e frutta a bacca rossa. In bocca è intenso e tendenzialmente asciutto sul finale, può dare vita a vini molto complessi e longevi. Buona l’acidità che mantiene fresco il vino. Si abbina molto bene a primi come il risotto ai funghi, a dei secondi a base di carni rosse, salsiccia di suino nero e a dei formaggi stagionati. Va servito in bicchieri ampi ad una temperatura da cantina.